La “Città dei trulli”: alla scoperta di Alberobello

Passeggiare tra le vie di Alberobello, piccola città pugliese non lontana da Bari, ti farà sognare: stiamo parlando di una città patrimonio UNESCO, unica al mondo. Il suo nome viene dal latino Sylva Arboris Belli (in italiano “Selva1 dell’albero della guerra”), perché quando la città è nata la zona aveva una ricca vegetazione2.

1selva: bosco.

2vegetazione: piante.

Ma cosa rende questo luogo così speciale? I trulli, casette bianche dal tetto conico. Queste abitazioni hanno una caratteristica bizzarra3: sono costruite con pietre incastrate tra loro, a secco4. Nel centro storico della città ce ne sono più di millecinquecento, e i più antichi risalgono al XIV secolo. Per costruire i trulli c’è bisogno di veri e propri specialisti, i maestri trullari, che oggi sono rari e si contano sulle dita di una mano5.

Mentre cammini per le vie di Alberobello osserva bene i tetti, perchè potrai notare dei simboli, disegnati a mano libera6, molto curiosi e affascinanti: alcuni sono per la protezione della famiglia, altri sono contro il malocchio7, altri ancora sono religiosi.

3bizzarro: strano, insolito.

 4a secco: le pietre sono messe l’una sopra l’altra, senza l’utilizzo di malta.

 5si contano sulle dita di una mano: sono molto pochi.

 6a mano libera: liberamente, senza l’uso di strumenti.

7malocchio: secondo la superstizione popolare, è un incantesimo che porta sfortuna e negatività.

(foto di: pugliaedintorni.it)

La “Città dei trulli” è un borgo vivace, magico e senza tempo. In estate si organizzano anche diversi eventi, come spettacoli teatrali, concerti e serate di poesia o beneficenza. Uno di questi eventi è il Festival delle luci, in cui i trulli vengono colorati con meravigliose proiezioni di luce.

(Foto da https://lavaligiainviaggio.com/2015/07/13/alberobello-light-festival/)

Vuoi scoprire altri posti da visitare in Italia?


Questo articolo ti è piaciuto?

Iscriviti alla newsletter

Entra nella nostra Giungla per leggere ogni mese curiosità dall’Italia!

Fonti: 

La storia dei trulli di Alberobello

terrachevive.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: